Vivere la fede in due

Version imprimable PDF version Partager sur Twitter Partager sur Facebook

"Il nostro sguardo umano è uno sguardo creativo quando è sguardo d'amore."

Padre Caffarel

 

La Bibbia, nell'Esodo, ci parla del camminano del popolo nel deserto. Pensate a queste persone, guidati da Mosè; erano per lo più famiglie: padri, madri, figli, nonni; uomini e donne di tutte le età, molti bambini con anziani che stavano vivendo la fatica... Questo popolo ricorda la Chiesa pellegrina nel deserto di oggi il mondo, ricorda il Popolo di Dio, che è composto principalmente di famiglie.

Questo ricorda le famiglie, le nostre famiglie, sulla strada  della vita, nella storia di ogni giorno... E 'la forza incalcolabile, la carica d'umanità contenuta in una famiglia: l'aiuto reciproco, l'accompagnamento educativo, i rapporti che si sviluppano con la crescita delle persone, che condividono le gioie e le difficoltà... Ma, le famiglie sono il primo luogo dove ci si forma come persone e allo stesso tempo sono i "mattoni" per la costruzione del la società.

Questo ricorda le coppie sposate che "non supportano il viaggio," il cammino del matrimonio e della vita familiare. La fatica del percorso diventa una fatica interiore; perdono il gusto del matrimonio, non attingono all'acqua dalla sorgente del sacramento. La vita quotidiana diventa pesante, e molte volte, "nauseante".

In questo momento di sconforto - dice la Bibbia - arrivano i serpenti velenosi che mordono le persone, e molti muoiono. Questo fatto fa sì che la gente si pente, fa chiedere perdono a Mosè e gli chiede di pregare il Signore per allontani i serpenti. Mosè pregò il Signore e questo dà il rimedio: un serpente di bronzo appeso a un palo; chi lo guarda sarà guarito del veleno mortale dei serpenti.

Che cosa significa questo simbolo? Dio non elimina i serpenti, ma offre un "antidoto": attraverso questo serpente di bronzo, fatto da Mosè, Dio manda il suo potere di guarigione - forza di guarigione- che è la sua misericordia, più forte del veleno del tentatore.

Il rimedio che Dio offre al popolo vale anche, in particolare, per i coniugi che «non supportano la via" e sono morsi dalle tentazioni di scoraggiamento, di infedeltà, di regressione, abbandono ... anche a loro, Dio Padre dona il suo Figlio Gesù non per condannarli, ma per salvarli: se confidino in Lui, Egli li guarirà con l'amore misericordioso che scaturisce dalla sua croce, con la forza di una grazia che rigenera e rimette in camino, sulla strada del matrimonio e della vita familiare.

L'amore di Gesù, che ha benedetto e consacrato l'unione degli sposi, è in grado di mantenere il loro amore e rinnovarlo quando umanamente si perde, si strappa, si esaurisce. L'amore di Cristo può ridare agli sposi la gioia di camminare insieme; perché il matrimonio è questo: il viaggio insieme di un uomo e una donna, in cui l'uomo ha il compito di aiutare la moglie ad essere più donna, e la donna ha il compito di aiutare il marito di essere più umo. Questo è il compito che avete tra di voi. "Ti amo, e ti faccio essere più donna" - "Ti amo, e ti faccio essere più uomo." È le differenze reciproche. Questo non è un semplice percorso senza conflitti, no, non sarebbe umano. Si tratta di un percorso impegnativo, a volte difficile, a volte conflittuale, ma questa è la vita! E tra questa teologia che ci dà la parola di Dio al popolo in camino, anche sulle famiglie in camino, sui sposi in camino, un piccolo consiglio. E 'normale che i coniugi litigano: questo è normale. Questo accade sempre. Ma vi consiglio: non terminare mai la giornata senza fare la pace. Mai. Un piccolo gesto è sufficiente. E così continuiamo a camminare. Il matrimonio è un simbolo della vita, la vita reale, questo non è una "fiction"! È il sacramento dell'amore di Cristo e della Chiesa, un amore che è nella Croce trova la sua verifica e la sua garanzia. Vi auguro, a tutti voi, un bel camino: un camino fecondo; che l'amore cresce. Vi auguro felicità. Ci sarà anche le croci: saranno lì! Ma il Signore è sempre pronto ad aiutarvi ad andare avanti. 

Che il Signore vi benedica!

Papa Francesco