Lettera del luglio 2014

Version imprimable PDF version Partager sur Twitter Partager sur Facebook

Cari amici,

Siamo Francoise e Remi Gaussel, membri dell’Equipe Responsabile Internazionale, incaricati della comunicazione e delle relazioni con le giovani coppie. Abbiamo finito la nostra missione di coppia responsabile per la Francia, il Lussemburgo e la Svizzera nell’agosto 2013. Siamo sposati da più di quarantasei anni e abbiamo due figli sposati e sette nipoti.

L’internazionalità del nostro movimento è sorgente di grande ricchezza; l’ultimo raduno di Brasilia l’ha dimostrato una volta di più. E’ dunque importante che gli equipier del mondo intero possano essere in comunione;  per questo è necessario conoscere meglio la realtà delle nostre vite, per comprendere meglio le nostre culture, e la nostra maniera di vivere in equipe. La comunicazione dunque gioca un ruolo importante. Come dice papa Francesco: “comunicare bene ci aiuta a rapportarci e a conoscerci  meglio gli uni gli altri”. I mezzi moderni a nostra disposizione facilitano lo scopo. Il sito Internet è al riguardo uno strumento efficace che è utile migliorare,  aggiornare  e rendere più attraente  in continuazione. Va istituito a questo scopo un comitato di redazione, per riflettere sul suo rinnovamento, e va posta anche attenzione nel regolare arricchimento e attualizzazione delle differenti rubriche.  Corrispondenti dalle diverse zone saranno incaricati di informarci degli eventi che meritino di essere portati alla conoscenza di tutti…  La parte dedicata a Padre Caffarel e alla sua opera sarà rivista, approfondita ed illustrata. Inoltre,  con la preoccupazione di evangelizzare e mantenersi fedeli al carisma fondatore, saranno proposti testi di riflessione sul matrimonio e le coppie.  Progressivamente il sito internazionale è destinato a divenire un sito di riferimento.

Dal momento che il matrimonio cristiano e la famiglia, cellula di base della società, traversano attualmente una grave crisi nel mondo, è necessario che le Equipes Notre-Dame riflettano  sui mezzi da utilizzare per farsi meglio conoscere.  Il carisma fondatore e la pedagogia del nostro movimento possono essere sorgente di aiuto per un gran numero di giovani coppie inquiete di fronte a tale evoluzione, e desiderose di rendere la loro unione durevole e ancorata alla Fede. Papa Francesco, nella sua ultima esortazione apostolica, non ha mancato di invitarci “a uscire dalle nostre comodità ed avere il coraggio di riunirci a tutte le periferie che hanno bisogno della luce del Vangelo.”  

Per di più, il nostro movimento, fondato sulla spiritualità coniugale e il sacramento del matrimonio, ha come missione di evangelizzare nel profondo le giovani coppie che sono già equipier. Dobbiamo quindi testimoniare in favore del matrimonio, rivolgere uno sguardo di fede a questa nobile istituzione e dimostrare che la sua durata non è una utopia ma che, con l’aiuto del  Signore e l’esercizio della volontà, questo è possibile ed entusiasmante. Aiutare le coppie a vivere una spiritualità  coniugale forte per discernere, di fronte ad una società che veicola un certo numero di contro verità  e per di più la superficialità, è più che mai necessario. Conviene conciliare iniziazione ed approfondimento, gradualità ed esigenza, ciò che chiede di dar prova di immaginazione e creatività. Le realtà quotidiane non sono certo le stesse nei differenti paesi del mondo, è necessario riflettere sull’evoluzione del movimento per adattarlo secondo luoghi e circostanze. E’ responsabilità dell’ERI tracciare cammini di unità ed aprire vie nuove per rispondere alle attese di tutte le coppie che hanno bisogno di essere accompagnate per permettere alla loro unione di essere duratura.  La prima fraternità è facilitare l’incontro di questi giovani con l’Amore di Dio e la testimonianza della Buona notizia che Gesù è venuto ad annunciarci. “Il Vangelo –come ha detto Papa Francesco alla GMG di Rio – è per tutti… non è solamente per quelli che sembrano più vicini, più ricettivi, più accoglienti, è per tutti.” Le Equipes Notre-Dame devono accettare, con l’aiuto dello Spirito, questa bella sfida.

Francoise e Rémi Gaussel
Giugno 2014